Mondiale giovani cavalli: lItalia c


Qualcosa o, meglio, molto finalmente si muove anche su uno dei fronti strategicamente pi importanti della nuova FISE: quello deigiovani cavalli. IlMondialediLanaken, finestra fantastica spalancata sul futuro dellinterprete spesso fondamentale dellequitazione, si sono chiusi ieri con un bilancio decisamente positivo. In Belgio, i cavalieri e i giovani cavalli formati in Italia si sono confrontati senza complessi con il meglio dellequitazione internazionale. Eccellente il risultato generale la storica qualifica dicinque cavalliper la finale estremamente interessante il dettaglio delle prestazioni fornite nelle singole categorie.

Proviamo a riassumere quanto accaduto in questo lungo weekend vissuto a Lanaken. Nella categoria riservata aicavalli di 5 anni, dopo aver conquistato il pass per la finale grazie ai percorsi netti ottenuti nelle due giornate di qualificazione (4 penalit in barrage,l tempo 38.83),Beezie, proprietario Giammarco Acreman, cavallo straniero montato da Paolo Adorno, si aggiudicato la 21.ma posizione nella classifica finale. 46.ma piazza per il cavallo italianoBeijing di San Patrignano (proprietaria la societ cooperativa del celebre centro riminese), montato da Valentina Interlenghi. La categoria, va ricordato, vedeva in partenza qualcosa come 242 binomi. Per i 265 cavalli (ancora di pi) di6 anni, assai rilevante il 21 posto finale colto da Claudio Minardi e dal suo cavallo straniero,Fezra Van Het Langwater. Importante anche il 27 posto del cavallo italiano Cincilla Gp, proprietaria Maria Gisella Bulgarelli, montato da Andrea Amadessi. 205 i cavalli di7 anniche hanno preso parte a questi Mondiali. Col tempo di 71.52, si piazzato 24Biscottino, cavallo italiano di Giancarlo Ferrari, montato ancora da Andrea Amadessi. Nel complesso, come ricordato nella nostra apertura di sabato,cinque i nostri cavalli giovani approdati alle finali, tre italiani e due stranieri. Un risultato formidabile, persino a prescindere da quello definitivamente maturato ieri, arrivato a capo di un anno di autentici stravolgimenti nelle strategie di sviluppo dellaFISE.Un primo significativo premio al lavoro complesso quanto capillare avviato da questa gestione federale con testardaggine pari alla voglia di cambiare. Un risultato che deve essere solo linizio, almeno si spera, di un grande futuro, proiettato finalmente verso il recupero, la formazione e la valorizzazione del soggetto fondamentale degli sport equestri: il cavallo, appunto. Vale la pena, a chiusura di questa trasferta in Belgio, riportare anche la cronaca di quanto accaduto venerd, quando Lanaken ha sentito le note dellinno di Mameli, grazie alla splendida prova di Acorass, primo classificatotra i6 anni, categoria a tempo h. 1.30, con la bellezza di 265 binomi alla partenza.Acorass(0 penalit; tempo 64.82) un cavallo italiano di proprieta’ di Alessandro Colombo, montato dallo stesso Colombo. Nella sua scia, podio anche perFezra V. Langwater(terzo con 0 penalit e tempo 66.19), proprietario e cavaliere Claudio Minardi. Di rilievo, in un venerd davvero tinto dazzurro, anche il 13 posto ottenuto daVadrouille-FM(0 penalita’; tempo 71.88) di propriet di Francesco Malvestiti, montato da Lisa De Coi. E buone anche le prestazioni diCincilla GP,Asha di San PatrignanoeLuce del Castegno. Nella categoria riservata ai cavalli di7 anni, categoria a tempo h. 1.40 con 205 binomi partenti, eccellente quarto posto diBaedeker(0 penalita’; tempo 66.00) cavallo italiano di propriet di Gianfranco Granchi, montato da Giovanni Consorti. Ottima pure la prestazione del giovane cavaliere Alberto Zorzi, che in sella aBucephala Z, di propriet della Scuderia Del Santo sas, Con 0 penalit e tempo di 73.23, per il binomio un tuttaltro che irrilevante 18 posto nella graduatoria. Nella categoria riservata ai cavalli di5 anni, categoria di precisione h. 1.25 con 242 binomi partenti, con 0 penalit si sono classificati primi ex-aequo i cavalli italianiNanina De Marchesanadi propriet dell’Az Agr Erica Colombo, montato da Giovanni Battista Correddu;Dollindi propriet di Giancarlo Ferrari, montato da Andrea Amadessi;Beijingdi San Patrignano, propriet della Societ Copperativa della celebre comunit riminese,, montato da Valentina Interlenghi. Per gli stranieri,Barondi propriet della Scuderia Bindi snc, montato da Federica Bindi eBeeziedi Giammarco Acreman.(dal sito fise.it)

Condividi con: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • YahooMyWeb